Una nuova casa per le caramelle Leone

Le pastiglie Leone sono un vero e proprio patrimonio dell’industria dolciaria piemontese, l’azienda è stata infatti fondata ad Alba nel lontano 1857 anche se poco dopo si trasferì a Torino, luogo della sede attuale.
Oggi arriva ancora una nuova svolta per questa fabbrica che dà inizio ad un processo di ammodernamento della sua sede che si concluderà nel 2025. In effetti, un’azienda di questo tipo non poteva che sentire la necessità di munirsi di una sede prima all’altezza delle sue ambizioni, al passo coi tempi ed ovviamente pienamente sostenibile a livello ambientale. Il modello di Lavazza e della sua Nuvola e molti altri sembra l’ispirazione per la struttura che verrà, visto il successo riscosso.
Questo il commento a riguardo di Massimo Pozzetti, CEO di Leone:

Il nostro Brand si posiziona nel segmento super premium del mercato, riportando valori quali gusto e piacevolezza accanto alla bellezza estetica del prodotto e ha l’obiettivo di raggiungere un consumatore sempre più attento alle cose buone, belle e sorprendenti.
Con l’inaugurazione della nuova Fabbrica Leone ci poniamo l’obiettivo di condividere con il pubblico i valori del brand e la qualità degli ingredienti dei nostri prodotti, che dal 1857 sono sinonimo di gusto, eccellenza e italianità. Il nostro ambizioso progetto strizza l’occhio all’innovazione, che intendiamo portare al servizio sia della produzione che delle esperienze multisensoriali che gli ospiti della Fabbrica potranno vivere in esclusiva. Il nostro desiderio è di far sì che Leone venga riconosciuto nel mondo come il brand di confetteria italiana che regala momenti di piacere e felicità”.

La Fabbrica è stata disegnata dal celebre architetto milanese Piuarch per custodire al suo interno l’intero mondo Leone, dalle prime fasi di produzione fino al confezionamento, e si candida a diventare una vera e propria destination del territorio, imperdibile per grandi e bambini.
L’edificio certificato Leed Gold, la certificazione più diffusa a livello mondiale per quanto riguarda il risparmio energetico nell’edilizia, si impernierà attorno ad una lobby da cui si affacceranno lo shop, la caffetteria, la reception e la “serra”, una zona circolare da cui avrà inizio il percorso che consentirà al pubblico di entrare in contatto con la produzione di pastiglie e tutte le altre dolcezze Leone. Attraverso delle vetrate sarà peraltro possibile osservare il processo di lavorazione dei dolci confezionati in questa struttura ed a ciò, per regalare un’esperienza ancora più immersiva, si aggiunge un percorso multisensoriale sviluppato su due piani.

Questo progetto si inserisce perfettamente all’interno del piano di fidelizzazione del pubblico e verso il traguardo di crescita di 30 Milioni di Euro nel corso dei prossimi cinque anni, anche attraverso l’espansione all’estero.

Edoardo Valle