Tanti premi per gli chef piemontesi

L’8 marzo a Calamandrana, in provincia di Asti, sono stati premiati alcuni cuochi che hanno dedicato la loro vita a questo mestiere con ben 50 o più anni di carriera all’attivo. Si è infatti tenuta la prima edizione di “Medaglia d’oro alla carriera: 50 anni di cucina in Piemonte”, promosso dall’Associazione Produttori dell’Albarossa Piemonte doc e dal Consorzio Asti docgm con la partecipazione di Fondazione Radici e in collaborazione con Molino Signetti e Adagio Ristorante. Tra i molti premiati c’è anche un torinese, ovvero Moreno Grossi del Moreno di Torino, mentre un premio speciale è stato assegnato a Pina Bongiovanni “cuoca emerita” dell’Osteria dell’Unione di Treiso (Cuneo), dove all’inizio degli anni 80, Carlo Petrini insieme ad un gruppo di amici, ideava la nascita del movimento Slow Food. Un ulteriore riconoscimento è arrivato anche per il giornalista e gastronomo Edoardo Raspelli per celebrare i suoi 50 anni di attività e impegno nella divulgazione della cultura enogastronomica.

Davide Cuneo